W.W.W. Women Web Works

Settembre - Novembre 2016

Corso di Formazione, che aiuta le donne a professionalizzarsi e ad acquisire nuove competenze - molto richieste dal mercato del lavoro - in ambito digital.

I nuovi media e le tecnologie possono essere alleati molto potenti, per chi è alla ricerca di un’occupazione. Specie per le donne che, per svariati motivi, devono fare il loro ingresso o re-ingresso nel mondo del lavoro e non hanno dimestichezza con questi strumenti (disoccupate di lunga durata, immigrate, lavoratrici con scarsa esposizione ad internet -ad esempio artigiane, commercianti-, donne che desiderano rientrare nel mondo del lavoro dopo un significativo periodo di assenza). È necessario che però le competenze siano di alto livello, dunque apprese in modo serio e professionale.

A questo target di utenti l’Associazione Donne e Tecnologie, con il sostegno di Barclays e il know how di Didael KTS, dedica uno specifico Corso di Formazione, intitolato W.W.W. Women Web Works.

La tecnologia, grazie a questo Progetto, diventa strumento di innovazione e di inclusione, consentendo alle partecipanti di ampliare le competenze del proprio Curriculum Vitae.

Ancora oggi, il nostro Paese sconta diversi ritardi, in ambito digitale. Si pensi al fatto che il 18% della popolazione non è connesso a internet. Che il 60% degli italiani ammette di non essere adeguatamente formato sui temi del digitale; che solo il 30% di chi usa i Social padroneggia il medium in modo adeguato (funzionale a un’attività professionale). “In pratica – spiega la fondatrice dell’Associazione, Gianna Martinengo– possediamo sì gli strumenti, ma non siamo ancora in grado di trasformarli in occasioni di lavoro, di nuova occupazione, di nuovi mestieri. Ecco, il progetto W.W.W. Women Web Works si cala proprio in questo contesto, cercando di creare un clima formativo che non punti solo alla alfabetizzazione informatica, ma incida sull’individuo e sul suo potenziale, sulla sua capacità di apprendere e di integrare la tecnologia nel quotidiano, sia personale che professionale”.

Il Progetto si basa su una metodologia ideata e ampiamente sperimentata in 70 progetti di inclusione digitale da Didael KTS, che prevede di poter imparare secondo i propri ritmi e stili di apprendimento: Che cosa è, come si fa, prova anche tu. Tre i macro-argomenti oggetto delle lezioni: strumenti informatici e office automation di base; cittadini consapevoli sul web; uso professionale dei social network.

Il modello didattico-organizzativo prevede, da un lato, attività di laboratorio guidata da facilitatori, dall’altro l’utilizzo di un ambiente web-based, che offre funzioni e supporti online per l’apprendimento, la comunicazione e la cooperazione. Ad accompagnare le 60 partecipanti (divisi in tre gruppi) sono stati, all’interno delle aule multimediali dell'Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua con tecnologia Lenovo, un docente esperto, un tutor, un facilitatore, un coordinatore didattico e un assistente di laboratorio.

Ogni percorso è stato composto da 20 ore (5 segmenti di durata 4 ore; un incontro per settimana) e momenti di esercitazione e verifica. Oltre alle lezioni in aula, le partecipanti hanno svolto attività di laboratorio guidate da facilitatori, hanno utilizzato una community per l'approfondimento e la condivisione degli elaborati e hanno utilizzato un ambiente web-based per per offrire supporto online all'apprendimento e alla comunicazione. Un test d'ingresso e un test finale hanno permesso di valutare il livello di apprendimento raggiunto. L'impegno complessivo è stato di 40 ore per ciascun gruppo.

La cerimonia di consegna degli attestati di frequenza è prevista per il 28 novembre.

Comunicato stampa - W.W.W. Milano premia il lato rosa e inclusivo del digital

AllegatoDimensione
Comunicato Stampa210.75 KB
Locandina748.75 KB